Superbonus al 110% per lavori in condominio: come funziona?

Superbonus condominio: ecco cosa devi fare per sfruttare il 110% (Potenza, Val d'Agri e Vallo di Diano)

Che cosa prevede il Decreto Rilancio per i lavori di riqualificazione energetica e messa in sicurezza dei singoli appartamenti in condominio? Ecco quando è possibile sfruttare il Superbonus al 110%.

Il Decreto Rilancio è stato approvato e pubblicato in Gazzetta Ufficiale e molti dubbi sul Superbonus al 110% sono stati eliminati.

Dubbi che hanno interessato sia i singoli proprietari che gli addetti ai lavori. Ma, nonostante manchino ancora alcuni provvedimenti attuativi, le modalità di intervento per migliorare l’efficienza energetica e la sicurezza degli edifici sono decisamente più chiare.

Ma concentriamoci sul Superbonus per i lavori da fare in condominio.

Che cosa è previsto e chi potrà beneficiare del bonus?

Ecco, è proprio questo il tema di questo articolo: su quali appartamenti in condominio è possibile intervenire singolarmente sfruttando il Superbonus?

Le modifiche al primo testo del Decreto Rilancio sono state diverse, sia per quanto riguarda le tipologie di immobile su cui è possibile intervenire, sia le per quanto riguarda le modalità di intervento.

Andiamo nel dettaglio.

Superbonus condominio: che cosa prevede il nuovo Decreto Rilancio?

Prima di tutto è necessario precisare che cosa si intende per “unità immobiliare”. Avere ben chiara questa definizione è importante per comprendere al meglio il testo del decreto che descrive le tipologie di intervento e di immobili destinati alla riqualificazione energetica e alla messa in sicurezza.

Per “unità immobiliare” si intende qualsiasi abitazione comprensiva delle relative pertinenze, cioè di cantine, garage e sottotetto. Però, c’è da fare anche un’altra precisazione: questa è una “definizione urbanistica”, da preferire in tema Superbonus, rispetto alla classica definizione catastale, che potrebbe portare a una complicazione per quanto riguarda l’interpretazione normativa.

Chiusa questa parentesi, concentriamoci sul Superbonus condominio: quando è possibile sfruttare il 110% per il singolo appartamento?

È stata prevista una condizione essenziale per beneficiare del Superbonus per il singolo appartamento che si trova in un contesto condominiale: l’unità abitativa deve avere autonomia funzionale e almeno un accesso esterno indipendente.

Quindi, è possibile fare un breve elenco di quelle che sono le tipologie di abitazioni per le quali è possibile usufruire del bonus singolarmente:

  • villette a schiera con spazio privato collegato ad un’area pubblica;
  • Case di ringhiera (a ballatoio), cioè abitazioni i cui ballatoi sono utilizzati come spazi comuni per accedere a diversi ambienti interni. In questo caso, i ballatoi devono essere esclusivi fino all’esterno.
  • Case in linea con spazio di accesso esclusivo.

In questi casi, cioè per alloggi che hanno indipendenza funzionale, è prevista l’ipotesi Superbonus, ma resta obbligatorio uno studio di fattibilità per capire se gli interventi da portare a termine potranno realmente essere inseriti nel quadro degli incentivi fiscali.

In pratica, è sempre necessaria un’analisi preventiva per valutare lo stato dell’immobile e la progettazione di mirati interventi per superare i limiti previsti.

Quali sono gli interventi che consentono di accedere singolarmente al Superbonus in condominio?

Nessun cambiamento di spessore per quanto riguarda la tipologia di intervento da portare a termine per poter sfruttare il Super-Ecobonus al 110%.

L’unica modifica rilevante che si trova nel nuovo testo del Decreto Rilancio, convertito in legge il 16 luglio 2020, è relativa ai tetti massimi di spesa da portare in detrazione.

Infatti, si può parlare di un particolare “gioco al ribasso”, cioè i massimali sono stati leggermente abbassati.

In ogni caso, per i proprietari di un’unità abitativa riconducibile a una delle 3 categorie prima descritte, è prevista la possibilità di poter accedere singolarmente al Superbonus solo quando si progettano gli interventi indicati nell’articolo 119 del decreto. Nello specifico:

  • Isolamento termico sulle superfici opache verticali e orizzontali superiore al 25% della superficie lorda disperdente. Per questo tipo di lavori, i massimali di spesa previsti possono essere così ripartiti: 50.000 euro per unità abitativa funzionalmente indipendente e situata all’interno di edifici plurifamiliari; 40.000 euro per unità abitativa in condomini di piccole dimensioni (da 2 a 8 appartamenti); 30.000 euro per unità immobiliare per condomini più grandi, cioè dalle 9 unità in poi.
  • Sostituzione dei vecchi impianti termici centralizzati sulle parti comuni di edifici, con nuovi impianti ad alta efficienza tecnologica. I limiti di spesa sono di: 20.000 euro per ciascuna unità abitativa in condomini di piccole dimensioni; 15.000 euro per unità abitativa in condomini con più di 8 appartamenti.
  • Sostituzione della caldaia con impianto di riscaldamento ad alta efficienza: per gli edifici unifamiliari è previsto un massimale di spesa di 30.000 euro; per le unità abitative in edifici plurifamiliari, funzionalmente indipendenti e che dispongono i più accessi autonomi dall’esterno, il massimale è stato fissato a 30.000 euro.

Gli interventi restano gli stessi, ma a variare sono i tetti massimi di spesa da portare in detrazione.

E per il Super Sismabonus?

Al contrario dell’Ecobonus, non ci sono tutti questi requisiti per poter beneficiare degli incentivi statali: non sono previste particolari distinzioni circa la tipologia di immobile e la destinazione d’uso.

Con un’analisi di fattibilità potrai sapere se riuscirai a sfruttare il Superbonus per riqualificare il tuo appartamento

Vivi in un appartamento e vuoi sfruttare la grande opportunità data dal Decreto Rilancio con il Superbonus?

A determinate condizioni, così come detto, puoi beneficiare del bonus anche per lavori da fare solo sul tuo appartamento.

Ma c’è una cosa che non devi sottovalutare: l’importanza di affidarsi a consulenti qualificati per analizzare a fondo il tuo caso.

Solo così potrai sapere:

  • se per la tua casa è possibile sfruttare il Maxi-Bonus;
  • se ci sono le condizioni di fattibilità tecnica per gli interventi.

Quindi, visto che al Superbonus si accede solo con analisi e diagnosi, inizia a progettare al meglio la ristrutturazione e la riqualificazione energetica della tua casa.

Non devi far altro che mettere la tua abitazione nelle mani di consulenti qualificati in grado di gestire al meglio ogni singolo aspetto tecnico e fiscale.

Parti da un’analisi di fattibilità della tua abitazione e dalla precisa progettazione degli interventi da fare: così il 110% diventerà per te una certezza.

Prenota subito la tua consulenza personalizzata e non lasciarti sfuggire questa grande opportunità!


Raffaele

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Raffaele lentini

Raffaele lentini

Sono Raffaele Lentini, ingegnere e ideatore di Ecobonus in fattura, il punto di riferimento per le ristrutturazioni in Val d’Agri.