Ecobonus 110%: quali documenti servono prima, durante e dopo i lavori?

Documenti Ecobonus 110% per riqualificare la tua casa a Potenza e in Val d'Agri

I documenti per l’Ecobonus al 110%, da presentare per beneficiare della cessione del credito, sono davvero tanti. Ecco la lista completa.

Quanti documenti per l’Ecobonus al 110%”!

Per poter beneficiare dell’agevolazione prevista per tutti i lavori di riqualificazione degli edifici esistenti occorrono una marea di documenti, necessari anche per sfruttare la cessione del credito come misura alternativa alla detrazione diretta.

E ho deciso di scrivere questo articolo, che può essere considerato come una vera e propria check list delle cose da fare, per sottolineare l’importanza di affidarsi a professionisti qualificati per non commettere errori.

Quindi, se vuoi rendere la tua casa più efficiente portando a termine lavori di isolamento dell’involucro edilizio e di sostituzione degli infissi – un esempio di combinazione vincente per fare il salto di 2 classi energetiche – ecco tutti i documenti che devi presentare.

Ecobonus 110%: documenti per verificare la sussistenza dei requisiti soggettivi prima dei lavori

Ecco i primi documenti per l’Ecobonus da presentare per poter usufruire del 110% e della cessione del credito:

  • titolo di detenzione o possesso dell’immobile da riqualificare rilasciato dai pubblici registri immobiliari;
  • dichiarazione sostitutiva di atto notorio per dimostrare che le spese da sostenere per i lavori di riqualificazione saranno a proprio carico;
  • dichiarazione sostitutiva di atto notorio per dichiarare che l’immobile da riqualificare non è detenuto nell’ambito di attività di impresa o di attività professionale;
  • ulteriore dichiarazione sostitutiva di atto notorio con cui ci si impegna a produrre, a richiesta, la documentazione necessaria per ottenere la cessione del credito di imposta;
  • titolo abilitativo edilizio o autocertificazione di inizio/fine lavori.

Tutti gli altri beneficiari dell’Ecobonus, non proprietari dell’immobile da riqualificare – la proprietà non è condizione necessaria per poter accedere all’agevolazione –  dovranno presentare anche tutta la documentazione attestante il possesso di reddito nell’anno in cui si sostengono le spese per i lavori.

Documenti necessari per accedere all’Ecobonus 2020 relativi all’immobile su cui intervenire

Dai documenti per attestare la sussistenza dei requisiti soggettivi, passiamo agli altri documenti tecnici per beneficiare dell’ Ecobonus 110%.

Ecco cosa serve:

  • autodichiarazione che attesti se è stato utilizzato qualche bonus per interventi simili negli ultimi 10 anni, con indicazione dell’intervento specifico;
  • visura catastale;
  • Attestato di Prestazione Energetica pre intervento;
  • analisi preventiva e studio di fattibilità per puntare al salto di 2 classi energetiche previsto come limite dal nuovo Ecobonus;
  • relazione tecnica ai sensi della legge 10/91;
  • dichiarazione di conformità edilizia e urbanistica;
  • pratica edilizia;
  • prospetti in dwg, preventivi e computi metrici;
  • documentazione fotografica degli interventi;
  • certificazione dei nuovi infissi prestazionali da installare e dei nuovi sistemi oscuranti, secondo quanto definito dai decreti attuativi Superbonus;
  • scheda tecnica di tutti i materiali acquistati e dichiarazione di corretta posa in opera.

È ora di iniziare i lavori: quali altri documenti e certificazioni servono?

Ecobonus al 110%: documenti necessari durante i lavori

Con il nuovo Ecobonus è stata prevista la possibilità di richiedere la cessione del credito a Stato di Avanzamento Lavori, quando è stato portato a termine almeno il 30% dell’intero intervento di riqualificazione.

Ma per sfruttare questa possibilità è obbligatorio presentare:

  • comunicazione di inizio lavori;
  • preventivi e computi metrici;
  • fatture di Saldo Avanzamento Lavori;
  • documentazione fotografica degli interventi;
  • asseverazione del tecnico per attestare la regolarità dei lavori;
  • scheda descrittiva dell’intervento;
  • ricevuta informatica con il codice identificativo della domanda.

E ora vediamo cosa serve per l’ultimo step.

Ecco tutti i documenti Ecobonus 110% da presentare a fine lavori

Chiudiamo il cerchio!

Per dimostrare l’avvenuta riqualificazione della tua casa e sfruttare l’agevolazione fiscale prevista, occorreranno:

  • preventivi, computi metrici e fatture;
  • dichiarazione di fine lavori;
  • Attestato di Prestazione Energetica per dimostrare l’avvenuto salto di 2 classi energetiche;
  • documentazione fotografica di fine lavori;
  • asseverazione del tecnico qualificato;
  • scheda descrittiva degli interventi di riqualificazione portati a termine;
  • Segnalazione Certificata di Agibilità;
  • ricevuta informatica con il codice identificativo della domanda.

Sono davvero tanti i documenti da consegnare per ottenere un valido aiuto, grazie alla cessione del credito, per eseguire importanti lavori di efficientamento energetico

E senza l’aiuto di professionisti qualificati è facile dimenticarsi qualcosa e commettere errori che bloccheranno la tua scalata al 110%.

Ma con il sistema unico Ecobonus in Fattura avrai un supporto completo, tecnico e fiscale, per puntare al 110% in tutta sicurezza.

Sarai guidato da consulenti qualificati che seguiranno, passo dopo passo, la ristrutturazione e la riqualificazione energetica della tua casa.

Un servizio completo e su misura per te che poi sfruttare prenotando una consulenza personalizzata.

Raffaele

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Raffaele lentini

Raffaele lentini

Sono Raffaele Lentini, ingegnere e ideatore di Ecobonus in fattura, il punto di riferimento per le ristrutturazioni in Val d’Agri.

Stiamo seguendo tanti progetti e per garantire un servizio preciso e puntuale abbiamo deciso al momento di non prendere in carico altre pratiche.