Ecobonus 110% Basilicata: come cedere il credito di imposta senza correre rischi

Ecobonus 110% Basilicata: sconto in fattura e cessione del credito | Ecobonus in Fattura

Sconto in fattura e cessione del credito Ecobonus 110% Basilicata: trovare l’impresa giusta per eseguire i lavori, senza avere problemi fiscali e di matrice privatistica, non è facile. Ecco come tutelarsi dal punto di vista contrattuale

Le imprese che accettano la cessione del credito Ecobonus 110% in Basilicata non mancano.

Imprese pronte ad accettare il credito di imposta all’interno di un’operazione di sconto in fattura, per poi cederlo successivamente a terzi o alle banche.

Un’alternativa allettante per tutti i privati che non possono sfruttare la detrazione fiscale diretta per riqualificare la propria casa con il Super Ecobonus in Basilicata.

Ma ci sono alcuni aspetti, proprio su questa parte economica del maxi bonus, che devono essere necessariamente chiariti.

La cessione del credito alle aziende da parte dei privati, che si presenta come la strada più sicura da percorrere per beneficiare delle nuove agevolazioni fiscali, nasconde alcune insidie che potrebbero portare ad eventuali contestazioni di matrice privatistica.

E prendere le distanze da tutte quelle imprese che pubblicizzano “lavori gratis con l’Ecobonus in Basilicata” e che promettono mari e monti sempre e comunque, non è per niente sbagliato.

Ma vediamo insieme come beneficiare dello sconto in fattura e della cessione del credito in totale sicurezza.

Trovare l’impresa giusta per beneficiare dell’Ecobonus 110% Basilicata evitando contestazioni

Il Superbonus per l’edilizia è una grande opportunità.

E su questo non si discute, perché ristrutturare e riqualificare la propria casa a costo quasi zero – e sottolineo a costo quasi zero, non gratis – è un’occasione da prendere al volo.

Ma è fondamentale scegliere con attenzione l’impresa che effettuerà i lavori.

L’impresa deve essere affidabile, garantendo:

  • rispetto dei tempi previsti per i lavori;
  • utilizzo di materiali certificati che rispettano i Criteri Ambientali Minimi e altri requisiti tecnici;
  • metodi di esecuzione.

E se vien meno la diligenza di adempiere gli impegni assunti, ecco che spuntano i problemi!

Infatti, parlando di sconto in fattura e cessione del credito con l’Ecobonus 110% in Basilicata si fa diretto riferimento alla disciplina del contratto a prestazioni corrispettive.

L’appalto e la responsabilità per vizi e/o difformità è un tema da affrontare per non avere problemi di nessun genere e perdere magari il beneficio fiscale.

Ma un modo per mettersi al sicuro c’è.

Scopriamo insieme cosa fare.

Meglio mettere tutto nero su bianco!

Vado subito al nocciolo della questione.

Quando la cessione del credito è accettata, l’importo ceduto da parte del privato diventa immediatamente indisponibile.

E se l’impresa incaricata dei lavori non adempie gli obblighi contrattuali, nessuno vieta di poter contattare un’altra impresa da pagare sempre con il bonus.

Ma resta un problema: dovrebbe prima essere risolta l’originaria cessione del credito.

Però, anche se il Fisco provvederà alla la decurtazione del bonus dal debito fiscale dell’impresa cessionaria con la dichiarazione annuale, la cessione del credito è immediatamente valida.

Si può parlare di risoluzione per mutuo consenso, ma sul piano pratico le cose sono un po’ più complicate.

Cedere il credito di imposta Ecobonus significa fare già il pagamento e difficilmente l’erario si pronuncerà in modo favorevole per la risoluzione della cessione.

Ecco perché è importante creare un contratto ad hoc, con una specifica clausola di risoluzione nei confronti dell’impresa esecutrice per il mancato rispetto dei tempi di consegna dei lavori o per qualsiasi altro vizio di esecuzione.

E come in tutti i contratti di appalto, sarà possibile richiedere la restituzione della somma a titolo risarcitorio.

Ecobonus 110% Basilicata: con l’aiuto di professionisti qualificati è tutto più facile

Il nuovo Ecobonus nasconde tante insidie e il “fai da te” è sconsigliato per tantissimi motivi, anche per trovare l’impresa giusta.

Ma grazie al sistema unico Ecobonus in Fattura potrai contare sull’aiuto di consulenti qualificati e tecnici che ti aiuteranno a riqualificare energeticamente la tua casa senza commettere errori.

Un sistema studiato per garantirti il massimo risultato dal punto di vista tecnico degli interventi e fiscale, con eventuale proposta di aziende qualificate che operano in tutta la Basilicata e proposte per la gestione del credito.

Insomma, non dovrai preoccuparti di niente, neanche di cercare l’impresa a cui affidare i lavori.

Scopri i vantaggi e le garanzie di questo sistema prenotando ora la tua consulenza personalizzata.

Raffaele Lentini

Ingegnere e Ideatore di Ecobonus in Fattura

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Raffaele lentini

Raffaele lentini

Sono Raffaele Lentini, ingegnere e ideatore di Ecobonus in fattura, il punto di riferimento per le ristrutturazioni in Val d’Agri.

Stiamo seguendo tanti progetti e per garantire un servizio preciso e puntuale abbiamo deciso al momento di non prendere in carico altre pratiche.