Che cos’è e a cosa serve la conformità urbanistica Superbonus 110%?

Conformità urbanistica Superbonus 110% Basilicata: ecco a cosa serve

Il certificato di conformità urbanistica Superbonus 110% è un documento fondamentale per poter accedere alle nuove agevolazioni fiscali. Ecco a cosa serve e perché è necessario richiederlo nelle fasi preliminari

La conformità urbanistica Superbonus 110% è un requisito essenziale per poter accedere agli incentivi fiscali che ti consentiranno di riqualificare la tua casa in Basilicata a costo quasi zero.

Ma che cos’è e perché è così importante?

La verifica della conformità dell’immobile alle vigenti normative edilizie e urbanistiche rientra tra i preliminari adempimenti per accedere al nuovo Superbonus, sia per realizzare lavori di efficientamento energetico, sia per lavori di messa in sicurezza strutturale dell’immobile.

E il certificato di conformità urbanistica è richiesto non solo per il nuovo bonus al 110%, ma è obbligatorio anche in caso di compravendita dell’immobile.

Nel nostro caso, cioè per interventi mirati di ristrutturazione e riqualificazione, ricopre un ruolo molto importante perché serve proprio per attestare la presenza o meno di illeciti e abusi edilizi che potrebbero causare la perdita del beneficio fiscale.

E senza perizia di asseverazione di conformità edilizia e urbanistica è impossibile puntare al 110%.

Ma scendiamo più nel dettaglio.

Certificazione di conformità urbanistica Superbonus 110%: la carta d’identità di un immobile

Stiamo parlando di un documento che attesta la corrispondenza tra lo stato di fatto e il titolo edilizio con cui è stata autorizzata la costruzione di uno specifico immobile.

Non è raro imbattersi in immobili che sono stati “modificati” in maniera difforme a quanto previsto dal progetto presentato al Comune dove lo stesso si trova.

E questa verifica diventa necessaria perché, in caso di comprovata esistenza di abusi edilizi non sanabili con interventi di poco peso, sarà impossibile accedere al Superbonus 110%.  

Ecco perché, prima di progettare tutti gli interventi che renderanno la tua casa più sicura, confortevole e basso consumo, è obbligatorio portare a termine specifiche verifiche sullo stato dell’immobile.

La verifica della conformità urbanistica prevede un’approfondita analisi dei titoli abilitativi edilizi (SCIA, CILA PdC, ecc.) che va ben oltre la verifica catastale.  

I permessi rilasciati dal Comune per qualsiasi intervento edilizio che non rientra nel campo dell’edilizia libera sono i primi documenti da analizzare per verificare, come detto in precedenza, la presenza di abusi edilizi sull’immobile da ristrutturare con il Superbonus 110%.

E questa è una verifica che si inserisce nelle primissime fasi dell’intero processo previsto per ottenere il massimo incentivo fiscale.

Che differenza c’è tra la conformità urbanistica e catastale? Occhio a non fare confusione

Parlando di regolarità urbanistica Superbonus 110% è facile fare confusione tra la conformità catastale dell’immobile e la conformità urbanistica.

Senza troppi giri di parole, anche perché la materia non è delle più semplici, ciò che consente di verificare con certezza la presenza o meno di un abuso edilizio è il titolo edilizio depositato nel Comune di riferimento.

Mentre la verifica della conformità catastale ha una funzione fiscale e non ha valore probatorio per la regolarità edilizia dell’immobile.

Ad esempio, un immobile può risultare conforme dal punto di vista catastale e presentare delle irregolarità urbanistiche.

Quindi, per accedere al Superbonus 2020 con detrazione fiscale al 110% e non avere problemi con i controlli dell’Agenzia delle Entrate serve l’attestazione di conformità del progetto alla disciplina urbanistica ed edilizia.

Meglio partire con il piede giusto per accedere in sicurezza al Superbonus

Servirà un’attenta analisi preliminare da parte di professionisti qualificati, per un primo studio di fattibilità e per la conformità urbanistica Superbonus.

E se vuoi riqualificare la tua casa in Basilicata con il Superbonus e non sai a chi rivolgerti, sei nel posto giusto.

I consulenti e i tecnici di Ecobonus in Fattura, progetto della società di ingegneria Restruktura Srl con sede a Villa d’Agri (Potenza), sono pronti ad accompagnarti, passo dopo passo, verso il tuo 110%.

Nulla sarà lasciato al caso, con analisi e verifiche che ti consentiranno di avere un quadro completo e preciso del tuo immobile e un prospetto dettagliato su ciò che sarà necessario fare per rendere la tua casa più efficiente.

Tutto questo con la garanzia di una maniacale attenzione a tutti gli aspetti tecnici e una precisa gestione di tutte le pratiche fiscali.

Cosa devi fare?

Semplicemente cliccare qui per richiedere la tua prima consulenza gratuita, per poi avviare la tua pratica Superbonus 110% dopo successive analisi e verifiche da fare in situ.

Metti la tua casa nelle mani di professionisti qualificati e scopri tutti i servizi di un sistema unico studiato appositamente per sfruttare con semplicità e senza rischi il nuovo Bonus Casa al 110%.

Prenota ora la tua consulenza personalizzata.

Raffaele Lentini

Ingegnere e Ideatore del sistema unico Ecobonus in Fattura

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Raffaele lentini

Raffaele lentini

Sono Raffaele Lentini, ingegnere e ideatore di Ecobonus in fattura, il punto di riferimento per le ristrutturazioni in Val d’Agri.